IRES al 24% dal 2017

IRES al 24% dal 2017

Riduzione IRES in legge di bilancio 2017?

Molte sono le novità introdotte all’interno della legge di stabilità (legge di bilancio) del 2016 varata dal governo, tra cui l’abbassamento dell’aliquota Ires che fino ad oggi era al 27,5% e che dal primo gennaio 2017 verrà fissata al 24%, andando a modificare sostanzialmente l’articolo 77 del TUIR. Questo tipo di modifica in realtà era già stata disposta e finanziata con una somma di circa 3 miliardi di euro dalla legge del 28 dicembre 2015, introdotta nella legge di stabilità dello scorso anno, dove si decideva per il taglio della aliquota sopracitata.

A chi si applica la riduzione?

Queste modifiche andranno ad incidere sui redditi di tutte le società di capitali avente residenza in Italia e che praticano attività commerciale, e per tutte quelle società che nonostante non abbiano la propria sede all’interno dello Stato Italiano si ritrovano a fare affari all’interno della nazione. Per la determinazione della aliquota IRES si dovrebbe prima procedere alla determinazione della cosiddetta base imponibile e successivamente va applicata la percentuale dell’aliquota sopracitata. Con il governo Renzi questo parametro viene ritoccato per consentire una diminuzione della pressione fiscale. Tale modifica fa parte di una riduzione fiscale che vedrà l’attuazione di circa 3 fasi, la prima riguarda la tassazione di tutti gli immobili facenti parte della categoria prima casa, la seconda riguarda la riduzione dell’IRAP e dell’IRES per quanto concerne tutte le imprese soggette a queste tasse ed infine una modifica sostanziale al IRPEF, in modo da favorire il pagamento della tassa a tutte quelle persone che si ritrovano ad avere un reddito basso.

 

Quindi, secondo i ministri che compongono il governo, vi è una forte volontà da parte di Renzi di ridurre le tasse e applicare molte agevolazioni fiscali. Molti esperti del settore però sostengono a gran voce che per quanto sia da ammirare l’iniziativa presa dallo Stato, vi è da considerare che la riduzione dell’IRES è destinata a toccare pochissime attività commerciali o imprese, ossia quelle che, durante la crisi hanno avuto la fortuna di poter reagire in maniera positiva. Questo naturalmente andrà ad escludere tutte quelle realtà portate avanti da artigiani che si ritrovano nella impossibilità di investire i propri soldi nella propria attività.

user-gravatar
Redazione SRLfacile

Dalla redazione di SRLfacile.it

No Comments

Post a Comment

Comment
Name
Email
Website